Modello RED

LE VERIFICHE REDDITUALI

L'ordinamento pensionistico italiano prevede la concessione sia di prestazioni a carattere assistenziale sia di benefici economici sui trattamenti pensionistici il cui riconoscimento è subordinato all'importo dei redditi del titolare della prestazione, del coniuge e, in alcuni casi, anche dei figli.

L'art. 13, comma 2, della Legge 30 dicembre 1991, obbliga l'Inps:

  1. alla verifica annuale delle situazioni reddituali dei pensionati incidenti sul diritto o sulla misura delle prestazioni pensionistiche;
  2. al recupero, entro l'anno successivo, di quanto eventualmente pagato in eccedenza.

L'art. 49, comma 1, della Legge 27 dicembre 2002, n. 289 stabilisce che i redditi prodotti all'estero, comunque rilevanti per la verifica dei requisiti reddituali se fossero prodotti in Italia, devono essere accertati sulla base delle certificazioni rilasciate dalla competente autorità estera.

PRESTAZIONI INTERESSATE

Le prestazioni per le quali sono influenti i redditi del pensionato e dei familiari (coniuge e figli) sono state individuate con il termine di rilevanze costituiscono, in altre parole, i motivi per i quali, in riferimento alla prestazione concessa o richiesta, sono influenti i redditi.

Per ogni rilevanza è prevista la dichiarazione di determinate tipologie di reddito: alcune sono comuni a tutte le rilevanze, altre sono specifiche per una o più di esse (tipi di reddito).

REDDITO DA DICHIARARE

L'anno di reddito per la verifica del diritto e per la determinazione dell'importo di ciascuna prestazione può essere differente, se si tratta di prima concessione ovvero di verifica del diritto a una prestazione già corrisposta negli anni precedente.

L'art. 35, comma 8, della Legge 27 febbraio 2009, n. 14 modifica la previgente disciplina in merito al periodo di riferimento dei redditi d considerare e stabilisce che:

  1. l'importo delle prestazioni assistenziali e previdenziali collegate al reddito è determinato dal 1° luglio di ciascun anno tenendo conto dei redditi percepiti nell'anno precedente;
  2. i redditi hanno validità fino al 30 giugno dell'anno successivo

 

 

La nuova disciplina prevede la segmentazione delle diverse prestazioni collegate al reddito in funzione della decorrenza della singola prestazione, anche se attribuite sulla medesima pensione. La decorrenza della prestazione collegata al reddito opera, cioè, indipendentemente dalla decorrenza della pensione. Per la verifica del diritto e della misura della prestazione si deve, pertanto, distinguere, tra:

 

  1. l'anno di reddito da dichiarare;
  2. l'anno di riferimento da considerare per stabilire i limiti di reddito.

 

La nuova disciplina si applica a tutti i trattamenti pensionistici, comprese le prestazioni economiche riconosciute agli invalidi civili, sordomuti e ciechi civili.

PRIME DOMANDE

Si deve tener conto del reddito presuntivo dell'anno in corso solo in caso:

  1. di una prestazione collegata al reddito (assegno sociale, invalidità civile);
  2. di prima concessione di beneficio economico collegato ad una prestazione di base (integrazione al minimo, maggiorazione sociale, ecc…).

 

Per anno in corso deve intendersi l'anno di decorrenza della pensione o del beneficio. Il reddito presuntivo dichiarato deve essere oggetto di verifica nell'anno successivo. La decorrenza sia della prestazione base sia del beneficio economico è determinata in relazione alle disposizioni che disciplinano le singole prestazioni. In caso di richiesta di ripristino di una prestazione revocata per motivi reddituali, il pensionato deve presentare il mod. RED attestante i redditi effettivi  degli anni precedenti dai quali si possa rilevare il diritto alla prestazione.

 

MODALITÀ DI ACCERTAMENTO

 

L'art. 15 della Legge 3 agosto 2009, n. 102 impone che vengano forniti all'Inps e agli altri Enti di Previdenza e assistenza obbligatori, i dati e ogni altra informazione, in possesso dell'Amministrazione finanziaria e di ogni altra Amministrazione pubblica, utili a determinare l'importo delle prestazioni previdenziali e assistenziali collegate al reddito. 

 

Fonte: INPS

Pin It

SERVIZIO “NUOVO PREVIDENZA PLUS”

Il servizio Previdenza Plus è stato integralmente rinnovato: consente di effettuare un’analisi dettagliata ed aggiornata della posizione contributiva INPS, al fine di capire come e quando andare in pensione, con sicurezza ed oggettività, secondo la normativa vigente.

Si precisa che, nonostante i fondi ex-INPDAP ed ex-ENPALS siano confluiti sotto l’amministrazione INPS, ad oggi i rispettivi database non risultano ancora integrati: non è quindi possibile effettuare elaborazioni previdenziali su contributi diversi da quelli INPS.

 Previdenza Plus offre un output di elaborazione previdenziale che comprende:

Elaborazione dei dati anagrafici del soggetto;

Decorrenza e tipologia di pensione;

Analisi della risultanza del Regime Generale;

Analisi della risultanza della Gestione Separata;

Ipotesi di totalizzazione;

Calcolo dell’importo dell’assegno pensionistico previsto in base alla presente situazione contributiva INPS;

Elementi utili al calcolo dell’assegno di pensione;

Osservazioni sulle particolarità della posizione contributiva.

 

A seguito dell’elaborazione sviluppata, sarà anche possibile utilizzare:

 

 ►un Integratore Previdenziale, per inserire nuovi periodi non accreditati a completamento della situazione previdenziale certificata dall’INPS (servizio di leva, periodi di studio non coperti da attività lavorativa o maternità)

un Simulatore Previdenziale, che consente di inserire i dati delle potenziali variazioni contributive future per verificarne l’impatto sull’elaborazione ottenuta.

 

Previdenza Plus consente inoltre di usufruire di:

Eventuali conteggi di pensioni di invalidità, inabilità ed ai superstiti;

Schede di aiuto alla lettura ed alla decodifica dei dati inclusi nell’elaborazione previdenziale;

Scheda dinamica di check up previdenziale contenente un questionario creato sulla specifica situazione previdenziale del soggetto assistito, al fine di valutare eventuali recuperi di quanto non correttamente assegnato.